Allacciate le cinture
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)
Loading...
Categoria:
Programmazione

Orario: venerdì 25, sabato 25 e domenica 27 aprile: ore 21
Prezzo: Interi: euro 6,00 – Ridotti:euro 5,00
Regia di Ferzan Ozpetek
Con la partecipazione di Kasia Smutniak, Francesco Arca, Filippo Scicchitano, Elena Sofia Ricci, Carolina Crescentini e Paola Minaccioni.
Genere: Commedia, Drammatico
Informazioni: Durata: 110′ – Data di uscita: 06-03-2014

In una città della Puglia, Elena sta con Giorgio mentre Antonio è il nuovo ragazzo della sua migliore amica Silvia. Elena e Antonio si conoscono e si evitano accuratemente, sicuri di essere del tutto lontani per carattere e indole. Contro ogni aspettativa invece nasce tra loro un’attrazione bruciante, quasi irrazionale. Passano tredici anni. Elena è sposata con Antonio, ha due figli e nel frattempo ha realizzato insieme all’amico Fabio il sogno di aprire un locale che ha incontrato molto successo in città. Con grande imbarazzo la donna un giorno rivela di avere una grave malattia. Il tumore al seno la costringe al ricovero in ospedale, e obbliga tutti ad affrontare una situazione delicata e imprevista. Elena e i suoi familiari rivedono allora tutta la propria vita, preparandosi a fare i conti con la realtà, con i sogni, con la dura quotidianità degli affetti.

"Ho sentito l’esigenza -chiarisce Ozpetek- di raccontare una storia d’amore potente, la passione e le frustrazioni sentimentali, il bisogno a volte inespresso di tenerezza e l’elemento perturbante che sconvolge le vite dei protagonisti, mettendoli di fronte a scelte che cambiano il loro destino e quello di chi li circonda.(…)". All’interno di questa dichiarazione (precisa, nitida, corretta) va collocata la nuova prova del regista italo-turco, incentrata con fermezza sulla nascita di sentimenti amorosi e sull’impossibilità di opporsi agli effetti imprevisti che provocano. Ma se da un lato l’amore è vita, ecco la faccia opposta, la malattia, l’idea della morte che arrivano con altrettanto slancio devastante a chiedere il conto delle nostre azioni. Ozpetek non cambia atteggiamento. Il suo scenario è la vita nelle mille sfaccettature misteriose e imprevedbili, nella gioia e nella tristezza, nella voglia di fare e nella capacità di reagire. Il fatto è che lo sguardo del regista anche stavolta resta attratto dalle suggestioni del melò, nel quale cala a poco a poco ma con decisione al momento di far incontrare amore e morte. La descrizione di entrambi deflagra quando Antonio e Elena hanno un rapporto sul letto d’ospedale di lei: il diapason di una rappresentazione marcata e un po’ decadente, efficace e insieme eccessiva, sovraccarica di didascalismo. La regia spinge sul tasto dei sentimenti impossibili da governare in un turbinio di contraddizioni che affascinano e respingono per un certo kitsch sempre in agguato dietro l’angolo. Nella bellissima luce degli esterni tra Lecce e il mare della Puglia scorre il buio di una danza disperata tra i volti inafferrabili dell’esistenza. Un film dalle belle immagini e dall’andamento altalenante che, dal punto di vista pastorale è da valutare come complesso e nell’insieme problematico.

Commenti chiusi.