Tutto sua madre
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)
Loading...
Categoria:
Cineforum

Orario: ore 21 Dibattito guidato da ARIODANTE ROBERTO PETACCO
Ingressi: Intero: euro5,00 euro – Ridotto "premio fedeltà" (5 film): euro 20,00 euro
Regia di Guillaume Gallienne
Con la partecipazione di Guillaume Gallienne, André Marcon, Françoise Fabian, Diane Kruger, Nanou Garcia, Reda Kateb
Genere: Commedia
Informazioni: Durata: 85′ Data di uscita: 23-01-2014

Fin da piccolo, Guillaume è stato considerato diverso da quello che è. Quando balla, si sente dire che ha le movenze di una donna, e l’equivoco è destinato a protrarsi per tanti anni. Soprattutto nei confronti della madre, donna severa e autoritaria. L’equivoco si conclude solo quando Guillaume conosce la donna decisiva…

Tutto comincia con lo spettacolo teatrale "Les garcons et Guillaume, à table!". Ispirato a fatti della vita di Guillaume Gallienne, il lavoro ottiene un grande successo di pubblico e di critica. Gallienne vi interpreta tutti i ruoli (da se stesso alla mamma) e la sua performance gli fa vincere il Premio Moliere 2010 e gli apre le porte della Comedie Francaise. Ora arriva il film, che mantiene a dire il vero lo stesso impianto: Guillaume è sul palcoscenico e racconta al pubblico le fasi della sua mirabolante disavventura. Partendo da fatti veri, l’attore/autore/regista ha l’intelligenza di affrontare con decisione gli snodi problematici senza farne oggetto di pedante disquisizione; anzi preferendo la chiave narrativa ironica, un po’ surreale, magari qua e là trasgressiva ma restando nei limiti dell’indispensabile. Gli infiniti inciampi cui va incontro Guillaume scandiscono una ininterrotta commedia degli equivoci, che, mentre va avanti, diventa occasione per mettere alla berlina ipocrisie e luoghi comuni. Gallienne è indubbiamente bravo nel ricoprire i ruoli principali (se stesso e la mamma) e a tenere un piglio registico scaltro e incalzante. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso, brillante e adatto per dibattiti.

 

 

 

Commenti chiusi.